Notizia inserita il 13 Novembre 2018

La miglior cura per ogni paziente (The best care for every patient) questo il titolo ambizioso del congresso nazionale di AIOM, l’Associazione Italiana di Oncologia Medica, che si svolgerà dal 16 al 18 novembre prossimo a Roma, nella cornice del Marriott Park Hotel, in via Colonnello Tommaso Masala 54, nei pressi del quartiere EUR.

Il ventesimo incontro nazionale coincide con il 45° compleanno dell’Associazione, fondata a Milano proprio nel novembre del 1973, oggi più che mai diventata un punto di riferimento autorevole per medici, ricercatori e pazienti. Il titolo dato al congresso rinvia subito a un concetto di multidisciplinarietà che la terapia dei tumori oggi sempre più richiede: dalla prevenzione e fattori di rischio alle metodologie di diagnosi e classificazione, dal trattamento al follow up, fino ai servizi di assistenza sul territorio. Le discipline in campo sono molteplici, non solo in ambito medico (in primis radiologia, oncologia, anestesia, chirurgia) e infermieristico, ma anche in area statistica, psicologica, sociale e legale. La ricerca oggi chiama tutti – epidemiologi, biologi, fisici e chimici – a lavorare in team a fianco delle equipe cliniche e del paziente stesso.

Alcuni spazi tematici saranno dedicati all’immunoterapia e alle target therapies (terapie mirate) con la presentazione dei risultati dei primi studi clinici sulla somministrazione di farmaci sviluppati per colpire specifiche cellule tumorali, e non altre.
Particolare attenzione è posta al ruolo dell’oncologo medico in un momento di grande fermento conoscitivo e di riorganizzazione del sistema sanitario nazionale, anche attraverso l’istituzione delle Reti Oncologiche Nazionali.
Un altro ruolo divenuto essenziale nel sistema efficace di cura del malato oncologico, e a cui il convegno AIOM dedicherà particolare attenzione, è quello delle associazioni dei pazienti. Con le parole della presidente di AIOM Stefania Gori: “L’intensificata attenzione alla vita delle persone dopo il cancro, persone che aumentano di anno in anno , ci sollecita a continuare a collaborare con le associazioni dei pazienti e del volontariato per comprendere i nuovi bisogni e trovare nuove risposte assistenziali”.

La giornata di venerdì 16 novembre sarà in parte dedicata ai tumori rari; dalle 10,40 alle 11,40 in sala Tiziano una sessione educazionale sarà sui sarcomi dell’utero. Tra i relatori, Paolo Casali della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano che parlerà di ‘Trattamento medico dalla chemioterapia adiuvante alle forme metastatiche’. Nell’occasione verrà inoltre premiato il gruppo di ricerca guidato da Lorenzo D’Ambrosio dell’IRCCS Istituto Oncologico Candiolo Torino per uno studio clinico dell’Italian Sarcoma Group sulla somministrazione combinata di Trabectedin e Olaparib a pazienti con sarcoma in fase avanzata dell’osso (non resecabile) e dei tessuti molli. (ps)

Il programma dell’evento.

Per ulteriori informazioni: www.aiom.org

Altre sezioni

il-sarcoma
io-paziente

i-centri
documenti

glossario

 

Altre notizie: