Video inserito il 1 Febbraio 2020

Il prof. Pietro Ruggieri, direttore della Clinica Ortopedica e della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Padova, in questa intervista pone l’accento sull’importanza della collaborazione internazionale, tanto più quando si opera in campi come quello dell’oncologia muscolo-scheletrica, dove alcune malattie sono rare e dove collaborare con i pochi centri ad altissimo livello in Europa e nel mondo può avere un impatto favorevole sui progressi della scienza in questo settore.
Le innovazioni tecnologiche, come i software che consentono una pianificazione preoperatoria basata sugli esami di imaging più avanzati e sofisticati, l’utilizzo del navigatore, la robotica, attualmente in fase di studio per la chirurgia muscolo-scheletrica, l’utilizzo di stampanti 3D, rappresentano una parte imprescindibile del buon operato.
“La vera differenza tra realtà come gli Stati Uniti rispetto all’Italia, o alle volte all’Europa, è che questi paesi dispongono e riservano finanziamenti molto rilevanti per la ricerca, ma nonostante la limitatezza delle risorse, l’Italia riesce comunque a essere ad altissimo livello nel panorama internazionale.”

Altre sezioni

il-sarcoma
io-paziente

i-centri
documenti

glossario

 

Altri video: